De-mente? NO! Sente-mente

De-mente? No! Sente-mente

Anche quando la mente si perde, la persona sente…

“Questo libro è l’urlo disperato di un operatore che nei suoi 27 anni di lavoro non ha mai smesso un istante di credere nel valore della vita e della relazione terapeutica. Al primo Sente-Mente Day, 350 colleghi provenienti da tutta Italia hanno firmato il manifesto della Sente-Menza.

A noi la responsabilità di farci riconoscere per la bellezza e gentilezza o per l’ignoranza e grettezza.”

 

Prima che un libro, Sente-mente è un’idea innovativa che vede la demenza con occhi nuovi e cioè non solo attraverso le perdite che inevitabilmente causa ma anche, e soprattutto, per ciò che resta, per il nocciolo vitale della persona che è e rimane capace di riconoscere, provare ed esprimere le emozioni. La demenza riesce dunque sì ad intaccare e danneggiare l’intelligenza razionale ma non può fare altrettanto  con l’intelligenza emotiva, quella che, ormai libera dalla “gabbia” del pensiero, riesce ad esprimersi in maniera svincolata e perfino più forte di prima.

È sulla base di questo innovativo pensiero che nascono il libro “De-mente? No! Sente-mente. Esercizi, intuizioni e nuove idee per vivere la relazione con le persone affette da demenza”, scritto dalla ‎formatrice e consulente in ambito socio-sanitario-educativo Letizia Espanoli in collaborazione con Monica Manzoni, e i Sente-mente laboratori dedicati ai familiari e a tutti coloro che amano persone affette da demenza.

Il primo appuntamento, in ordine cronologico, per avvicinarsi alla nuova teoria promossa da Caleidos è in programma per il 12 febbraio 2015, alle ore 20,30 alla Sala Sassi di Castel San Pietro (via Fratelli Cervi 1). In tale occasione le autrici parleranno della demenza come un ostacolo ma anche una sfida, un’occasione per scoprire nuove energie e possibilità; inoltre sarà presentato il libro, in vendita nel corso della serata, ed una copia del testo verrà donata da Caleidos alla biblioteca comunale di Castel San Pietro, dove sarà dunque disponibile per prestito e consultazione.

A marzo partiranno invece i Sente-mente laboratori, che vogliono essere delle vere e proprie palestre dove allenarsi alla vita nella demenza, ovvero dove imparare a vedere, mettere e cogliere la vita pur nella malattia. Per maggiori informazioni sui laboratori: www.sente-mente.com, Monica Manzoni 347/9336636.