Diversità con umanità: parola di Caleidos

Diversità con umanità: parola di Caleidos

Lo scorso anno, all’interno del Festival delle Diversità, ci siamo domandati ed abbiamo domandato ai collaboratori e ai presenti che cosa posso fare io per l’integrazione. Ne sono uscite risposte di impegno quotidiano. Risposte sagge, da ripetersi spesso. Lo dimostrano i recenti fatti in Siria, le uccisioni, le bombe, l’impossibilità della vita in un dato luogo nel mondo, la sofferenza là e l’insofferenza qua.

“Cosa posso fare io per la Siria, mi sono chiesta guardando la tv, leggendo i giornali, navigando su internet e sui social – spiega Ilaria Astolfi, responsabile dell’area intercultura di Caleidos –. Credo che al di là delle azioni concrete e quotidiane che scelgo e compio ogni giorno nella mia vita, nella mia terra, sia necessario rispondere ad una responsabilità morale che ci accomuna in quanto esseri umani, una responsabilità morale che sento chiara alla luce dei recenti avvenimenti e che voglio esprimere. Ho letto in una vignetta che queste sono cose che capitano, così rispondeva il padre al figlio che lo aveva interrogato; subito, però, si correggeva, aveva risposto in maniera sbagliata spinto dal senso di abitudine nei confronti delle stragi e dei morti in guerra come in mare, ed aggiungeva che non è umano abituarsi, assuefarsi, a tali accadimenti. Questo infatti è un fatto pericoloso, aggiungo io, per l’Umanità di ogni essere umano e per la società che si sgretola sotto il peso esistenziale della violenza stessa. #everychildismychild ha postato su facebook Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, ed è proprio così: servono umanità ed empatia, siamo una razza unica e non dovremmo sopportare che possano succedere violenze così grandi a nessuno. Fra i primi sentimenti che ho provato nei confronti degli attacchi chimici in Siria vi erano rabbia e frustrazione per il mio non poter andare là, non poter far nulla. Poi ho riflettuto che fra non andare là a fermare le bombe e non fare nulla c’è tanto spazio per agire. Ecco allora cosa posso fare io: posso educare ogni giorno la mia famiglia e chi mi sta vicino alla pace e al rispetto, posso impegnarmi e lavorare per una società civile inclusiva, che accetti l’altro e sia umana anziché anaffettiva ed anestetizzata nei confronti dell’essere umani e degli esseri umani stessi. Nel mio piccolo posso coltivare sentimenti positivi nel rispetto mio e dell’altro, perché entrambi esistiamo solo se esistiamo contemporaneamente, io mi posso definire solo nelle differenze con gli altri e per questo l’altro è fondamentale; siamo tutti legati gli uni agli altri con fili a doppio nodo, io-l’altro. Nel piccolo, nel quotidiano, nel reale, io e Caleidos posso e possiamo fare, con le mie azioni, con le nostre azioni, con i progetti nei quali crediamo, con il sostegno alle realtà che possiamo conoscere e che già operano in prima linea. Caleidos, ad esempio, sostiene Il cuore in Siria; non siamo lì, ma siamo vicini”.

Caleidos, poi, sta lavorando sodo per organizzare anche quest’anno il Festival delle Diversità, in calendario il prossimo 19 maggio 2017 al Giardino degli Angeli; salvate la data in agenda, presto il programma.

diversita

 

#giornifelici a Castel San Pietro Terme

#giornifelici a Castel San Pietro Terme

#giornifelici a Castel san Pietro il 20 aprile 2017, con la presentazione dell’Agendo #facendodivento con tante opportunità per la felicità.

Il quaderno di Letizia Espanoli legato al #giornifelici tour è una coccola, una carezza che riconnette alla vita, che accende in te la possibilità di correre verso i tuoi desideri. E’ un azionario: un libro che parla all’anima e spinge all’azione, che sussurra parole di bellezza, di curiosità e di gentilezza.

E’ un allenamento a vedere la bellezza affinché lo stupore torni ad essere parte della giornata, che ti conduce sui sentieri dello stupore, della curiosità, della gratitudine, della gentilezza e del perdono. Un viaggio che distilla dalla scienza le esperienze più importanti.

Sapete perché anche la curiosità è una delle parole cardine di #giornifelici? Come può la curiosità essere un elemento fondamentale nella costruzione della nostra felicità e del nostro benessere?

“La curiosità è lo stato mentale che ci spinge a perseguire e ad apprendere sempre di più, a continuare a provare. Ci permette quindi di crescere e migliorare e ci guida alla scoperta del mondo. È importante da sviluppare per riuscire a superare conflitti, problemi, raggiungere traguardi e obiettivi. […] Ma la vera bellezza sta nel fatto che quando si è curiosi, si superano le paure. […] Uno studio ha dimostrato che la parte del nostro cervello che si attiva quando ci troviamo di fronte ad una novità, è la stessa che elabora le ricompense. La curiosità, come altre emozioni, viene collegata ai sistemi neuronali mesolimbici e sviluppa la dopamina. Il rilascio di questa sostanza nel nostro cervello ci spinge a cercare nuove informazioni, come fossero delle ricompense. […] La curiosità oltre a stimolare le aree cerebrali della ricompensa e della motivazione, attiva anche l’ippocampo, la parte del cervello legata alla memoria a lungo termine. Ciò significa che la curiosità migliora le prestazioni del cervello conservando meglio e più a lungo le informazioni.”

Vi siete incuriositi? Per coloro che vogliono sapere di più nasce il tour #giornifelici, a Castel San Pietro il prossimo 20 aprile 2017: tre ore di formazione (citando Letizia Espanoli “da triplo salto col wow”) in cui far nascere una rivoluzione, dentro e fuori di ognuno di noi, perché la Bellezza inizia dove iniziano l’Indignazione e il Coraggio.

 

IMG_0809

> > > Scarica la locandina: locandina #giornifelici < < <

> > > > > INFO E ISCRIZIONI: monica@caleidos.bo.it < < < < <

 

Danze meditative

Danze meditative

joy dance“Ci sono delle scorciatoie per la felicità, e la danza è una di queste” (Vicki Baum)

Joy Dance® é la fusione tra la cultura della danza creativa e la risata incondizionata, il 22 aprile con Caleidos!

“La danza è una delle rare attività umane in cui l’uomo si trova totalmente impegnato: corpo, cuore e spirito. Per il bambino danzare è importante quanto parlare o cantare… E’ importante per il bambino nato danzante non disimparare questo linguaggio…” (M. Bejart)

Queste sono le parole di uno dei più grandi maestri e coreografi del XX secolo , che affermano una grande verità e possono giustamente sostenere il progetto “Joy Dance®” nello Yoga della Risata.

E’ attraverso il concetto di danza alla portata di tutti, che si sviluppa in Joy Dance®,  che possiamo facilmente far emergere la spontaneità del bambino interiore che è in tutti noi, che poi diviene danzante perchè gli si forniscono i mezzi per una espressione gestuale e corporea nella giocosità.

La danza, che comunemente viene presentata come un’attività e una disciplina eccezionale ed estremamente tecnica, viene destrutturata e si scoprirà che è presente in ognuno di noi come una manifestazione naturale. Ci muoviamo, piroettiamo e saltiamo, per dare libero sfogo alla personalità ed esprimere inconsapevolmente il nostro mondo interiore. Danzando ci mettiamo in contatto con la realtà esterna, prendiamo spazio nell’ambiente che ci circonda, stabiliamo dei rapporti con chi ci sta accanto. Danzando scopriamo la gioia di esserci, la gioia di vivere qui ed ora.

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO CON LE DANZE MEDITATIVE E’ IN PROGRAMMA IL 22 APRILE ALLE ORE 20,30. PER INFO E PER PARTECIPARE: monica@caleidos.bo.it <

1

Biogreenwell: assaggi di benessere

Biogreenwell: assaggi di benessere

BIOGREENWELL – ASSAGGI DI BENESSERE, A MAGGIO, AD IMOLA!
GIOVEDI’ 4 MAGGIO ore 18:30-19:30: LA RISATA INCONDIZIONATA PER LA SALUTE E LA FELICITA’ #soffidifelicità

Attività di gruppo che verte su esercizi di respirazione profonda e risata, con l’utilizzo di musica e movimenti corporei sul posto e nello spazio. La conclusione prevede un momento di rilassamento guidato.

GIOVEDI’ 18 MAGGIO ore 18:30-19:30: CAVIARDAGE

Trova la poesia nascosta; attività individuale da svolgersi in gruppo durante la quale trasformeremo pagine di libri in poesie inaspettate.

GIOVEDI’ 25 MAGGIO ore 18:30-19:30: BIOARMONIE

Bi-trattamento per la salute e il rilassamento Attività di gruppo che verte su tecniche corporee di rilassamento guidato, in collaborazione con la Dott.ssa Gloria Nobili, operatrice olistica transpersonale e libera ricercatrice in biofisica. Nel corso dell’attività, porteremo rilassamento ed energia allo stomaco ed agli altri organi legati ai processi digestivi.

CI VEDIAMO AL BIOGREENFOOD VIA VALERIANI, 6 – IMOLA

PARTECIPAZIONE GRATUITA, GRADITA LA PRENOTAZIONE!

 

> > > Scarica e condividi la locandina qui: locandina_biogreenwell < < <

benessere

Fai fiorire il benessere

Fai fiorire il benessere

Fai fiorire il benessere sabato 6 maggio 2017!

ORE 10:30-12:00: LA RISATA INCONDIZIONATA PER LA SALUTE E LA FELICITA’ (#soffidifelicità)

Attività di gruppo che verte su esercizi di respirazione profonda e risata, con l’utilizzo di musica e movimenti corporei sul posto e nello spazio. La conclusione prevede un momento di rilassamento guidato.

ORE 17:00-18:00: BIOARMONIE

Bi-trattamento per la salute e il rilassamento Attività di gruppo che verte su tecniche corporee di rilassamento guidato, in collaborazione con la Dott.ssa Gloria Nobili, operatrice olistica transpersonale e libera ricercatrice in biofisica.

CI VEDIAMO A PEONIA MIA AZIENDA AGRICOLA LA RINIERA, VIA RINIERA 2043 – CASTEL S. PIETRO T. PARTECIPAZIONE GRATUITA!

 

> > > Scarica e condividi la locandina qui:locandina_peonia mia < < <

fiore felice

 

L’aiuto del Facilitatore Familiare… Contro lo stress

L’aiuto del Facilitatore Familiare… Contro lo stress

Questo nemico, lo stress. In base allo stile di vita che si segue, si è più soggetti o meno a determinate malattie; lo sostiene la medicina psicosomatica. Parlando di affaticamento, tensione, nervosismo, affaticamento, lo stress predispone l’organismo a una generica maggiore possibilità di ammalarsi, ed è ormai sempre più evidente che un particolare modo stressante di vivere, di percepirsi, di relazionarsi e di organizzare il tempo, favorisce di più l’insorgenza di alcune patologie rispetto ad altre. Anche chi non si definisce necessariamente “stressato” può soffrire di questo stato d’animo che condiziona anche il fisico. La fretta ma anche la frustrazione e il senso di ritardo o di incompiutezza nel rispetto di un programma giornaliero contribuiscono a generare stress. In tutti i casi lo stress va superato perché, se dura troppo a lungo, il corpo farà sentire il suo disagio.

Vita frenetica, sintomi conseguenti. Ecco i tipi di stress più frequenti. Accanto ad ognuno è specificato il sintomo che favorisce con maggiore probabilità:

Tipo di stress

Eccesso di velocità mentale

Incapacità di cambiare marcia

Senso di costante ritardo

Perdita degli orari fisiologici

Continuo controllo dell’orologio

Pensieri ossessivi

Voler essere in anticipo

Rischi per la salute

Dermatite seborroica

Problemi alla tiroide

Tensioni muscolari

Disturbi del ritmo cardiaco

Ipertensione arteriosa

Disturbi del sonno

Disturbi d’ansia

Secondo la Scala dei valori stressanti di T. H. Holmes e R. H. Rahe (professori dell’università di Washington, 1967) la morte del coniuge ha valore stressante 100, un licenziamento 47, la malattia di un famigliare 44, il mutamento delle condizioni finanziarie 38, responsabilità sul lavoro 29, l’inizio e la fine della scuola 26, il mutamento degli orari o delle condizioni di lavoro 22. Mica poco!

Malessere=malattia=medicinali. L’Organizzazione Mondiale della Sanità calcola che oggigiorno i tranquillanti sono tra i farmaci più venduti al mondo e lo stress è da più parti definito come il male del secolo, ma aumentando il malessere fisico aumentano in tutte le famiglie le spese per medicinali e cure. A livello nazionale l’Università La Sapienza di Roma ha valutato che il 70 per cento degli italiani muore per malattie legate allo stress (dati 2009). “Si tratta delle malattie cronico-degenerative, che includono le patologie cardiovascolari, tumori, broncopneumopatie croniche ostruttive, cirrosi epatica, le malattie intestinali che nell’insieme costituiscono più del 70% delle cause di morte”, ha spiegato la presidente dell’AISIC Cinzia De Vendictis. Tra i disturbi causati dallo stress anche l’ipertensione che, oltre alle patologie cardiovascolari, può essere causa di diabete e infarto e colpisce il 25% degli italiani, ovvero circa 15 milioni di persone (ma la percentuale raggiunge l’80% se si considerano gli over 65). Quando lo stress diventa cronico, il sistema immunitario si indebolisce nel suo insieme e l’organismo diventa più vulnerabile alle infezioni, alle malattie e allo sviluppo di patologie autoimmuni. Addirittura secondo uno studio pubblicato sulla rivista Psychotherapy and Psychosomatics dai ricercatori delle università tedesche di Konstanz e di Ulm, i disturbi da stress creano danni al livello del dna, peggiorando inoltre la capacità di riparazione delle cellule.

Ecco in quale scenario l’aiuto del facilitatore familiare di Caleidos sostiene il benessere!

no-stress